Pagina 1 di 1

Riconoscimento di cittadinanza in presenza di adozione ante 1967

Inviato: 10/10/2018, 15:06
da jdhoring
Ecco un caso che vorrei sbrogliare (i nomi sono di fantasia)

Aldo, il nonno del richiedente nasce in Italia nel 1915, poi emigra in Sudamerica, senza mai naturalizzarsi

Nel 1943, in un Paese sudamericano, dopo aver sposato Alice, adotta Bruno in tenera età.

Bruno si sposa e ha il figlio Carlo negli anni '60.

Carlo oggi chiede il riconoscimento della cittadianza italiana.

Poichè l'istituto dell'adozione dei minori entra nell'ordinamento giuridico italiano solo nel 1967, essendovi in precedenza solo l'istituto dell'affiliazione, che però non creava il rapporto di filiazione necessario a trasmettere la cittadinanza iure sanguinis, a prima vista l'adozione di Bruno da parte di Aldo non gli avrebbe trasmesso la cittadinanza italiana.

È effettivamente così? Se no, dove sbaglio?

Re: Riconoscimento di cittadinanza in presenza di adozione ante 1967

Inviato: 11/10/2018, 10:06
da onda_blu
I fatti bisogna sempre valutarli con le leggi vigenti al momento del loro accadimento.
In realtà, nella legge sulla cittadinanza vigente al momento dell'adozione all'estero (1943), vi era la Legge 555/1912, e non vedo articoli che prevedano l'attribuzione della cittadinanza italiana agli adottati (come invece è espressamente previsto in quella attuale).
Né all'epoca vi era una legge sull'adozione come adesso, che prevede l'adozione "legittimante", cioè che produce tutti gli effetti di legge della filiazione.
Quindi direi che il figlio adottato non ha acquistato la cittadinanza italiana.

Re: Riconoscimento di cittadinanza in presenza di adozione ante 1967

Inviato: 20/10/2018, 15:34
da jdhoring
Grazie per la conferma!