Pagina 35 di 57

Inviato: 03/08/2012, 16:28
da Sereno.SCOLARO
E ipotizzare un accertamento "veloce" con riguardo al cambioamento di abitazione?
Certo, la persona non dovrebbe esservi,ma potrebbero accertarsi (es.: presso i vicini, portalettere, lattaio ...) se vi sia stato, un qualche "trasloco" dovrebbe esserci stato, magari anche una qualche utenza acqua, luce, gas, ecc. ....

Inviato: 04/08/2012, 10:53
da Ospite
diciamo che dall'acertamento svolto finora era più negativo che positivo, ma vi dovrebbe aver abitato così poco tempo che i vicini neanche si sono accorti di lui e dovendo registrare l'emigrazione in 2 giorni dal ricevimento dell'APR non ho potuto contattare fornitore GAS o elettricità per mancanza di tempo.
Mi resta solo il dubbio se devo comunicargli o meno che fine fa la sua pratica di cambio abitazione, e con che modalità? Preavviso di rigetto o cosa?
Potrei fare preavviso di rigetto dicendo che ci sono gli elementi per respingere la pratica poichè risulta aver dichiarato nuova dimora abituale nel Comune di X e dagli accertamenti finora svolti questo sembrerebbe plausibile. Può stare in piedi
Però a questo punto non mi pare di dover segnalare alcunchè perchè non vi sono ip resupposti di una falsa dichiarazione ma piuttosto di due dichiarazioni veritiere sovrapposte.

Inviato: 05/08/2012, 07:40
da Sereno.SCOLARO
Essendovi stata dichiarazione, l'art. 10-bis L. 7/8/1990, n. 241 opera e, oltre all'esito "non sufficientemente positivo", va aggiunta l'indicazione sul successivo trasferimento. In ogni caso, la dichiarazione relativa al cambiamento di abitazione, non apapre essere stat veritiena o, in altre parole, gli accertamenti (corropobati dal "tempestivo" trasferimentod ella residenza) non puo' dirsi che abbiano dato esiti conformi alla dichiarazione (di cambiamento di abitazione) resa.

Inviato: 09/08/2012, 11:25
da Ospite
Ho ricevuto da un consolato il modello cons01 di trasferimento all'estero di cittadina italiana.
A) Nell'arco delle 48 ore provvedero' alla cancellazione dall'anagrafe
B) La decorrenza ISTAT della pratica corrisponderà alla data di ritorno dell'accertamento dei vigili (contrariamente alla decorrenza ISTAT delle cancellazioni per altro comune che corrisponde alla data di cancellazione dell'anagrafe).
Dico bene?

Inviato: 09/08/2012, 12:47
da diego
fatte salve le decorrenze "legali" (nel caso: art. 7 dpr 323/1989), ai fini istat (modello d7b), vedi circolare istat 21/2012, pagina 3

per le emigrazioni in altro comune, si: il conteggio è nel mese in cui effettui la cancellazione.

(se ho capito la domanda... sono andato in confusione su "Decorrenze istat"; intendi data di "comunicazione" (quella che prima era "definizione"), giusto?)

cyber

Inviato: 09/08/2012, 14:02
da Ospite
Cittadina cinese chiede residenza con provenienza da altro comune. L'altro comune comunica che non è mai stata iscritta nella propria APR. Annullo la pratica e ne avvio un'altra con provenienza dall'estero (se non riesco a trovare altro comune in cui eventualmente sia stata iscritta) ?

Inviato: 09/08/2012, 14:03
da diego
verifica prima in INA e magari chiama la signora... farei fare due righe di rettifica (dall'interessata) piuttosto che rifare tutto...

Inviato: 09/08/2012, 14:06
da Ospite
INA già verificato risulta sonosciuta, in AE risulta essere stata oltre che nel comune dichiarato anche in altro comune al quale ho appena chiesto notizie ma è chiaro che avendo già verificato in INA la risposta sarà negativa. Ho chiamto l'interessata che verrà forse domani perchè oggi era fuori. Ma il mio problema è delle 48 ore per l'iscriizone preliminare la faccio comunque?

Inviato: 09/08/2012, 14:10
da diego
l'agenzia dell'entrate tiene conto di altro; mi affiderei più a ina.
interpellerei l'interessata e rettificherei.
se passano i due giorni non credo muoia nessuno (adesso che ho le colleghe in ferie, mi sono accorto di alcune pratiche che.. altro che 48 ore....); con ciò non ti invito a disattendere la norma ma sarei elastico.
altrimenti, la iscrivi con la provenienza dichiarata (avresti dovuto iscriverla PRIMA di mandare l'APR4...) e, in sede di definizione, rettifichi la provenienza (a me sono successi già 3/4 casi e non ho avuto problemi con INA).

Inviato: 09/08/2012, 14:57
da Ospite
diego ha scritto:(se ho capito la domanda... sono andato in confusione su "Decorrenze istat"; intendi data di "comunicazione" (quella che prima era "definizione"), giusto?)


Esatto.

quindi in pratica,
- il 16 agosto ricevo dal Consolato il mod. cons01 di trasferimento di residenza
- entro il 18 agosto eseguo la cancellazione dall'anagrafe con decorrenza giuridica 16 agosto
- il 01 settembre ricevo l'accertamento dei vigili che conferma la cancellazione.
In questo caso la data di comunicazione all'ISTAT = decorrenza ISTAT sarà il 01 settembre

Inviato: 09/08/2012, 18:30
da diego
parrebbe proprio di si.
(non parlerei di "decorrenze" istat, ripeto: si rischia di creare confusione con le decorrenze giuridiche dei varii eventi; è una data "statistica")

Inviato: 10/08/2012, 09:10
da Pancrazio Romeo
No la pratica avrà sempre decorrenza 16/08/2012 ma poichè la data di perfezionamento è avvenuta il 01/09/2012 non verrà conteggiata nel D7B del mese di Agosto, ma nel Modello D7B di settembre

Inviato: 10/08/2012, 09:32
da diego
che è ciò che ha scritto ospite.

Inviato: 10/08/2012, 10:22
da Ospite
diego ha scritto:che è ciò che ha scritto ospite.


Infatti decorrenza giuridica cancellazione 16 agosto 2012,
ma la pratica verrà conteggiata con la statistica di settembre

Scadenza dei 45 giorni e accertamento negativo

Inviato: 11/08/2012, 16:29
da Ospite
Dottori. Mi corregga se sbaglio, se non ho capito male, a fronte un accertamento negativo dopo 45 giorni, è. Inutile fare una comunicazione ai sensi dell'art. 10 bis, ma si prende atto della residenza ed eventualmente si avvia una comunicazione e ai sensi dell'art. 16 al precedente comune se pensiamo che sia sempre li o in alternativa avviamo un procedimento di cancellazione per irreperibilita' è. Corretto?